Raggi uv: pericolosi per tutti, ma soprattutto per gli occhi del bambino

Con l’arrivo della bella stagione diventa prioritario, per tutti i genitori, proteggere i bambini dai raggi del sole e ridurre il rischio di scottature e colpi di calore. Allo stesso modo è necessario rivolgere le stesse attenzioni ai loro occhi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene infatti che fino all’80% dell’esposizione dell’intera vita alla radiazione ultravioletta di una persona avviene prima dei 18 anni: da ciò l’importanza dell’utilizzo di strumenti di protezione sin dall’infanzia.

Una fotografia delle nostre abitudini

Secondo i dati diffusi da Commissione Difesa Vista emerge inoltre che in Italia solo il 15% delle persone indossa sempre gli occhiali da sole, il 30% non li porta quasi mai e il 18% lo fa raramente.

Nelle categorie più a rischio, bambini e anziani. solo l’11% degli adolescenti e il 10% degli over 55 indossano lenti protettive.
Le radiazioni solari sono pericolose soprattutto per gli occhi dei più piccoli.

In che modo il Sole danneggia i nostri occhi?

La radiazione UV di corta lunghezza d’onda possiede il massimo potenziale di danno per il nostro organismo. In particolare le radiazioni UVA e UVB possono entrambe danneggiare le fibre di collagene accelerando in tal modo l’invecchiamento cutaneo con danni a livello molecolare. Per l’occhio, cornea, cristallino e retina sono i principali tessuti oculari deputati all’assorbimento delle radiazioni UV.

La radiazione UV non arriva all’occhio solo direttamente, ma anche per riflessione dall’ambiente. La quantità di radiazione UV riflessa è variabile rispetto al tipo di superficie: la neve riflette dall’80% al 94% dei raggi UVB. mentre l’acqua dal 5% all’8%.

La pioggia, la nebbia e le nuvole basse possono ridurre in maniera significativa l’esposizione alle radiazioni UV ; l’80% dei raggi UV raggiunge la superficie terrestre durante l’estate tra le 10 e le 14.
In ambito pediatrico gli occhi sono più sensibili ai danni delle radiazioni UV per la maggiore dilatazione pupillare e più trasparenza del cristallino dei bambini.

Le differenze tra occhiali per adulti e per bambini

I bambini nei periodi estivi trascorrono più tempo all’aperto così l’occhio è più esposto sia ai raggi UVA sia UVB; questi ultimi, benché presenti in minor quantità, sono più dannosi per l’elevata energia e capacità di influire sul DNA. Per l’età infantile è consigliabile l’uso di una protezione di tipo combinato: cappellino a tesa larga , occhiali da sole avvolgenti con lenti di qualità ottica certificata. Gli occhi dei bambini devono essere protetti più di quelli degli adulti perché il loro sistema visivo è in fase di sviluppo. Per una vacanza in montagna le lenti devono avere una protezione anti UV con filtri idonei alla luce blu; se si va in barca è meglio una lente polarizzata che elimina l’abbagliamento dovuto al riflesso dell’acqua.

E se il bambino porta occhiali da vista, quali lenti scegliere?

In presenza di miopia è meglio la colorazione marrone, se ipermetrope verde-grigio.
La scelta del filtro protettivo deve tenere conto che:
• la colorazione azzurro-blu non assorbe le radiazioni violetto-blu dannose per la retina e il cristallino;
• filtri grigio-marrone assicurano una protezione di circa 1’85%;
• l’occhiale specchiato può arrivare a un 100% e
• quello polarizzato al 90-95% proteggendo anche dalla luce riflessa (neve, ad esempio);
• un filtro giallo ha una capacità di protezione bassa (10-15%), ma accentua il contrasto (ad esempio in caso di nebbia)

Particolare attenzione merita l’età infantile precoce. In questa età lo sviluppo della visione risulta in piena evoluzione . Prima dei 6 mesi i bimbi non devono essere mai esposti alla luce diretta del sole e nel periodo più caldo all’aperto dovrebbero indossare un cappello leggero in cotone con visiera.

Con la nostra ampia gamma di occhiali da sole per bambini e i consigli dei nostri consulenti specializzati, saprai come proteggere gli occhi dei tuoi bambini con supporti visivi di alta qualità. Vi aspettiamo nei nostri Centri Ottici!


Approfondimenti :

Precedente
Successivo
Condividi su