lenti a contatto: come smaltirle ?

In Italia ci sono circa 4 milioni di portatori di lenti a contatto ( LAC ) , di cui la gran parte utilizza LAC usa e getta giornaliere.

Potrebbero perciò essere 8 milioni i piccoli pezzi di plastica gettati ogni giorno.

All’anno, quasi 3 miliardi.  Un po’ vanno in terra, un po’ nel water, altre nel lavandino .    Se non sono trattenute negli impianti di depurazione cittadini, arrivano al mare attraverso i canali di scolo ed i fiumi .

Quante vengono inghiottite dai pesci ?

Oggi siamo sempre più attenti e sensibili al tema del riciclo e alla raccolta differenziata dei rifiuti.

Per poterlo essere anche per questo piccolo prodotto, riteniamo utile informare i portatori di lenti a contatto sulla composizione delle lenti a contatto in commercio e sul loro corretto smaltimento.

Cosa bisogna smaltire ?

  • la confezione esterna
  • il blister che le contiene
  • le lenti a contatto
  • il liquido di mantenimento delle lenti
  • il portalenti

Come dividere questi rifiuti?

  • La confezione esternanella maggior parte dei casi è di cartoncino, per cui è interamente riciclabile e può essere gettata nel bidone della carta.
  • Il blisterè costituito da una parte inferiore in plastica, che si può buttare insieme ai materiali plastici, e da una pellicola in alluminio che lo ricopre; per riciclare questa parte metallica, ci si dovrà attenere ai regolamenti comunali. In alcune città viene smaltito assieme al vetro, in altre viene raccolto con la plastica; è al 100% riciclabile!
  • Lelenti a contatto ( LAC ) non vanno assolutamente gettate nella toilette. Le LAC sono composte da vari materiali plastici organici che inorganici che non sono biodegradabili . nè riciclabili. Per questo vanno gettate nel generico.

Certo, non è così semplice come un normale fazzoletto di carta;  però dobbiamo riflettere sull’impatto ambientale che creano questi milioni di piccoli pezzi di plastica nelle acque del mare.

Leggi l’articolo :   BioPills

Precedente
Successivo
Condividi su