lacrime artificiali

Lacrime artificiali

L’uso della vista, oggi spesso accompagnata da

  • utilizzo frequente di dispositivi digitali
  • esposizione ad agenti irritanti per gli occhi (luce del sole molto intensa, ambiente secco o ventoso, fumo di sigaretta, pulviscolo atmosferico, pollini e polvere)
  • ambienti illuminati con lampade ad emissione led

può portare a secchezza oculare (  Le conseguenze sono: bruciore agli occhi, difficoltà ad aprire le palpebre al risveglio, sensazione di avere qualcosa nell’occhio e, anche, disturbi visivi di una certa entità )

Per lenire questo problema esistono in commercio le lacrime artificiali.

Sono soluzioni sterili, a base di sostanze viscose, in grado di trattenere l’umidità sulla superficie dell’occhio ; è il trattamento di prima linea per la secchezza oculare e sono fondamentali per mantenere l’occhio in buona salute.

Il film lacrimale che naturalmente ricopre la cornea la lubrifica, riduce l’attrito palpebrale, fornisce nutrimento ed ossigeno all’epitelio congiuntivale e protegge gli occhi da eventuali piccoli corpi estranei, sostanze tossiche e batteri.

Le lacrime artificiali contribuiscono a ricostituire e stabilizzare il film lacrimale che ricopre l’occhio, lenendo l’irritazione. Se applicate ad intervalli regolari, possono aiutare a controllare il problema nelle persone che non producono abbastanza lacrime o quando il film lacrimale è instabile,

Sono formulate a base di acqua, sali e polimeri, disponibili senza prescrizione medica, ma è utile consultare l’oculista per decidere l’approccio migliore per lo specifico caso, soprattutto in base all’origine e all’entità della condizione.

Esistono numerosi prodotti, con ingredienti diversi e, talvolta, quest’ampia scelta sul mercato è fonte di confusione in chi deve scegliere .

Le lacrime artificiali progettate per alleviare i sintomi della secchezza oculare, sono principalmente:

Lacrime artificiali con derivati della cellulosa: aggiungono viscosità al fluido sulla superficie dell’occhio, contribuendo ad alleviare temporaneamente i sintomi della secchezza oculare.

Lacrime artificiali a base di glicerina: grazie al contenuto di acqua, aiutano a mantenere l’occhio umido.

Lacrime contenenti acido ialuronico:  l’acido ialuronico conferisce al prodotto caratteristiche simili alle lacrime artificiali a base di derivati della cellulosa.

Le lacrime artificiali su base naturale sono una miscela bilanciata di estratti naturali il più simile al liquido lacrimale, il loro ph è studiato in modo tale da ottenere il massimo della delicatezza e gli estratti vegetali, che sono stati purificati per evitare fenomeni allergici, possono contenere : Malva,Camomilla,Fiordaliso,Altea ed Echinacea.

Malva,altea e camomilla:

L’Altea e la Malva contengono lubrificanti antinfiammatori ,la camomilla contiene il camazulene con potere antiallergico e calmante lubrificante ed idratante, biocompatibile, riduce i piccoli arrossamenti grazie alle sue proprietà.

Acido ialuronico e Fiordaliso: 

stabilizza il film lacrimale e aiuta nella rigenerazione cellulare, il fiordaliso ha l’effetto rinfrescante, indicato soprattutto durante il ciclo,la gravidanza,la menopausa quando i cambiamenti ormonali rendono più secche le mucose.
Acido ialuronico e Echinacea:

in combinazione questi 2 prodotti hanno lo scopo di proteggere l’epitelio corneale e di contribuire ad aumentare le difese biologiche del film lacrimale tramite una migliore stabilizzazione e conservazione delle sue caratteristiche.L’Acido ialuronico ha la proprietà di aderire al muco della superficie oculare proteggendola, umidificandola e lubrificandola. Per le sue caratteristiche mucoadesive permane a lungo sulla superficie dell’occhio e stabilizza il film lacrimale. L’estratto di Echinacea contiene delle sostanze che si sono dimostrate in grado di coadiuvare il mantenimento delle difese immunitarie del film lacrimale e di facilitare i processi riparativi della superficie oculare.
Colliri : curano e lubrificano nello stesso tempo; sono prodotti prescritti dall’oculista e se utilizzati in combinazione con le lenti a contatto viene consigliato di rivolgersi al proprio ottico di fiducia affinchè l’utilizzo combinato non comporti un’alterazione del polimero della lente.

Come utilizzare al meglio le lacrime

E’ necessario usare il prodotto esattamente come descritto nel foglietto illustrativo ( es. inclinare leggermente la testa all’indietro e abbassare la palpebra inferiore con l’indice, per creare una piccola tasca, tenere il contagocce sopra l’occhio con la punta rivolta verso il basso, guardare in alto ed instillare le gocce (di solito,una o due), quindi chiudere le palpebre delicatamente per qualche istante, affinchè la soluzione possa distribuirsi sulla superficie oculare ).

Lavarsi accuratamente le mani prima e dopo l’uso,assicurarsi di non toccare con la punta del contagocce l’occhio, la palpebra, le ciglia, la mano o qualsiasi altra superficie, poiché, in caso di contaminazione, potrebbero favorire delle infezioni.

Conservare le lacrime  temperatura ambiente lontano da umidità e calore, non congelare e mantenere il flacone ben chiuso.

 

Precedente
Condividi su