Skip to content Skip to navigation

Occhiale da SOLE con lenti a TOTALE protezione UV

da Pachy Tripodi

Nella fase di acquisto di un'occhiale da SOLE, la spesa dovrebbe essere coerente alla necessità di una reale e totale protezione dagli UV e dai possibili rischi. La consulenza dell’ottico di fiducia è fondamentale.

Versione stampabile

Bello essere al mare... il sole, l’aria, il cielo blu; ricordatevi di proteggere i vostri occhi almeno come la vostra pelle. Non rinunciate a godervi le meraviglie che vi circondano; basta proteggere l’occhio con un occhiale da SOLE con lenti a TOTALE protezione UV. 
 
Importantissima la parola “TOTALE”, perché non tutti sanno che se una lente da SOLE è molto scura fa sì che la pupilla dell’occhio si dilati per raccogliere più luce possibile ed avere una immagine più definita sulla retina, se la lente da sole non blocca tutti gli UV l’occhio raccoglie così molta più radiazione che diventa dannosa per la retina.

È importante ricordare che gli UV e il riverbero della luce attraversano facilmente protezioni come il tipico ombrellone da spiaggia. Nemmeno le nuvole riescono a bloccare questo tipo di radiazioni. Ad esempio, se utilizzate una lente polarizzata eliminate completamente il reverbero della luce, aumentando e migliorando la percezione dei contrasti e riducendo notevolmente l’affaticamento visivo con il risultato di avere una protezione totale 100% dai raggi UV.
 
Oggi, TUTTI vendono occhiali da sole, i prezzi spaziano da pochi euro a centinaia, e tutti sembrano a TOTALE protezione UV.  Potete acquistare la montatura che volete, griffata o meno, di elevata qualità o no, ma quello che importa sono le LENTI.
Minimo che sia marcata "CE" e che l’occhiale da SOLE sia accompagnato dalla cosiddetta “nota informativa” prescritta dal decreto legislativo n. 475 del 1992. Importante perché è una assunzione di responsabilità del fornitore alla conformità alle normative tecniche e qualitative del prodotto. Deve contenere l’indicazione del fabbricante, il grado di protezione dai raggi nocivi, la categoria (ve ne sono diverse), i limiti di impiego, le avvertenze e le istruzioni d’uso. 

Infine, la consulenza dell’ottico di fiducia rimane fondamentale.